C’è una ricetta tipica della tradizione romana che in tutto il mondo ci invidiano, la cacio e pepe, un primo piatto senza tempo, pochi ingredienti per un’esplosione di gusto. Del resto la cacio e pepe, insieme alla carbonara e all’amatriciana, è un vero e proprio simbolo di Roma e di romanità, orgoglio di quegli chef che realmente la sanno preparare. E sì perché la vera cacio e pepe sembra semplice ma è, in realtà, un piatto dagli equilibri delicati. Imparare a farla come si deve? E’ un’arte.

Pepe, pecorino romano e pasta (fresca o secca a seconda dei gusti e delle possibilità): ecco i grandi protagonisti della cacio e pepe, il piatto di Roma ma anche del Lazio intero, nato dall’estro dei pastori che un tempo dovevano farsi bastare quei pochi ingredienti che avevano a disposizione per mettere insieme un pasto sostanzioso. Il risultato di questo primo piatto è tutta questione di chimica (e di passione) tra il pecorino romano e l’acqua di cottura che, insieme, danno vita alla cremosità che contraddistingue la vera cacio e pepe dalle imitazioni.

La cacio e pepe al ghetto romano: classica o rivisitata?

Perché la cacio e pepe sia all’altezza della sua stessa fama è necessario che gli ingredienti siano quelli giusti e, soprattutto, di qualità. Nel nostro ristorante nel cuore di Roma scegliamo solo materie prime che arrivano dai mercati rionali, assicurandoci che abbiano fatto il minor numero di chilometri possibili, che siano freschi e ricchi di sapore. Oltre alla sapienza del nostro chef (che di cucina romana ed ebraica se ne intende davvero), abbiamo scelto di dare al primo piatto quel quid in più dettato dal sapore della pasta fresca. Rigorosamente con la pasta lunga, la nostra ricetta della cacio e pepe classica mette al centro la mantecatura degli ingredienti come segreto del suo successo.

E, poi, c’è chi come noi, amando e conoscendo profondamente la cucina romana, vuole concedersi qualche variazione sul tema. Cacio e pepe con i carciofi e cacio e pepe con la cicoria di campo sono le nostre originalissime rivisitazioni della ricetta classica. Agli ingredienti dell’originale abbiamo scelto di dare un tocco in più, di arricchirli con due verdure anch’esse tipiche della tradizione romana. Carciofi e cicoria sono, infatti, sapori tutti romani ma anche un must che contraddistingue il nostro ristorante in via del Portico d’Ottavia. Tra cacio e pepe classica, cacio e pepe con i carciofi e cacio e pepe con la cicoria di campo il nostro ristornate al ghetto, Il Giardino Romano, offre ai suoi clienti un’esperienza in perfetto equilibrio tra tradizione e innovazione. E tu, che tipo sei?

 

<<Per conoscere le nostre specialità>>

 

 

Diritto d’autore: 123RF – Oleksandr Prokopenko